Home » Trentino Alto Adige

Canederli

15 gennaio 2008 2 Comments

Oggi vediamo la ricetta base di questa minestra tipica del Trentino Alto Adige, i Canederli. Vedremo in seguito in altre ricette che questo primo piatto è adattissimo ad accompagnare secondi sempre di origine trentina. Vediamo gli ingredienti e le modalità di preparazione dei canederli.

Ingredienti:

- 500 grammi di mollica di pane secco (bianco)
– 300 grammi di latte
– 150 grammi di burro
– 120 grammi di farina bianca
– 5 uova
– prezzemolo
– noce moscata
– sale quanto basta

Vediamo ora come preparare i canederli.

Mettiamo il burro ammorbidito leggermente in una terrina e con un cicchiaio di legno lo lavoriamo bene. Aggiungiamo alla mollica di pane tagliata a pezzi, la farina, il latte, le uova, prezzemolo tritato, sale e noce moscata quanto basta, sempre mescolando bene ogni volta che aggiungiamo un ingrediente. Amalgamati bene tutti gli ingredienti siamo pronti per preparare i canederli. Prendiamo il composto che si è venuto a creare e creiamo delle pallottole di sei-sette centimetri di diametro e le lessiamo in acqua bollente salata, lasciandole cuocere per 15 minuti. Prima di cuocerle controlliamo se la loro consistenza quindi utilizziamo un canederlo di test buttandolo nell'acqua in ebollizione dopo averlo preparato in modo da capire se bisogna aggiungere altra farina (nel caso risultasse troppo morbido) o altro latte nel caso risultasse troppo duro.

Ora vediamo come servire i canederli che abbiamo preparato.

I canederli si servono come minestra mettendoli nella zuppieda dove c'è il brodo bollente (questo dopo averli lessati in acqua o in brodo), oppure si servono asciutti (sempre prima lessati in acqua o in brodo) accompagnati da l'Hausplatte o il Gulasch.
Come dicevamo, i canederli sono un piatto tipico di tutto il Trentino Alto Adige, il vero piatto forte della zona.

2 Comments »

  • Gianni Ambrosi said:

    cara Laura,
    il canederlo non nasce come minestra, ma come piatto di contorno ai crauti con carrè affumicato, ovvero come piatto forte con contorni di insalate (in questo caso la preparazione avrà altra struttura). Solo in tempi recenti è uso aggiungere brodo.
    Caio ciao
    Gianni
    Io li preparo in questa maniera:

    L’originale ricetta tirolese impone la cipolla e la conseguente rosolatura della stessa nel burro, però così facendo il piatto di-venta di difficile digeribilità. Ho sostituito la cipolla con erba cipollina rendendolo forse meno gustoso ma sicuramente più leg-gero.

    Ingredienti :
    7/8 rosette rafferme, 2 etti di salame ungherese tagliato grosso
    2 etti di speck tagliato grosso, ½ l. di latte, 4 uova, 1 mazzetto di erba cipollina, 5/6 cucchiai di farina, noce moscata, sale q.b.

    Taglia a piccoli cubetti il pane poi mettilo in una terrina, versaci il latte, mescola e lascia riposare per un’ora, girandolo spesso. Quando sarà ammorbidito (non bagnato), aggiungi le uova e la farina. Taglia a dadini piccolissimi il salame, lo speck, trita l’erba cipollina ed aggiungili all’impasto, dai una grattata di no-ce moscata ed aggiusta di sale, quindi amalgama molto bene il tutto. Lascia riposare una mezzora in modo che i sapori si fondano assieme.
    Bagnati le mani ad ogni canederlo (non si appiccica ai palmi e ti verrà un canederlo liscio e senza grumi esterni o aperture), e fai delle palle che farai cuocere in acqua bollente e salata per circa 15/18 minuti. Quando vengono a galla sono cotti.
    Servili con un buon brodo di carne, o con crauti e carrè affumicato
    Con i canederli è consigliabile fare una prova di cottura: se l’impasto risulta troppo tenero, aggiungi un po’ di pane grattu-giato o altra farina.

  • Laura (author) said:

    Ciao Gianni,
    grazie mille per il contributo.
    Questa ricetta io l’ho utilizzata e la fonte è un vecchio vecchio libro di cucina.
    Il tuo commento è stato veramente ottimo perchè è bello condividere con noi anche questa ricetta e questi consigli.

    Grazie ancora e aspetto altri commenti propositivi come questo.

Leave your response!

Add your comment below, or trackback from your own site. You can also subscribe to these comments via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.

You can use these tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled weblog. To get your own globally-recognized-avatar, please register at Gravatar.